A proposito di curriculum, anche l’occhio vuole la sua parte. L’aspetto “estetico” del cv, infatti, può rappresentare una primissima discriminante in grado di spingere chi legge a considerare o scartare subito il candidato. È qualcosa d’istintivo: un cv pulito, ordinato e ben impaginato invoglia sicuramente di più di un documento confuso e brutto a vedersi. Anche tu, se ti trovassi davanti a decine di curriculum, sono certa che inizieresti proprio da quelli che si presentano meglio esteticamente. O sbaglio?

Ma quali sono gli 8 errori che non dovresti mai fare nell’impaginazione e formattazione del tuo cv? Vediamoli assieme.

Curriculum errori da evitare: 

1 – Non mantenere gli spazi

Gli spazi fra un paragrafo e l’altro sono molto importanti. Un testo troppo fitto, infatti, risulta poco appetibile. Gli spazi, invece, facilitano la comprensione del documento perché ne agevolano la lettura rendendolo più arioso.

Questo non significa, naturalmente, che vadano lasciati oceani di vuoto fra le varie sezioni del cv. Qualsiasi formato tu decida di utilizzare, ti consiglio di lasciare uno spazio fra un’esperienza lavorativa e l’altra, ad esempio, e uno spazio o due prima d’introdurre una nuova sezione (fra l’ultima esperienza di lavoro e il titoletto “formazione”, per esempio)

2 – Non cancellare le istruzioni sul formato Europeo

Prima d’inviare il cv in formato europeo classico, ti consiglio di cancellare il “da-a” scritto di fianco alle date, oppure i suggerimenti presenti sotto i titoletti delle varie competenze. Si tratta, infatti, d’indicazioni utili per chi deve scrivere, ma che dovrebbero essere tolti a cv compilato.

3 – Utilizzare caratteri bizzarri

I modelli europeo ed europass hanno caratteri prestabiliti (rispettivamente arial narrow e arial) che ti consiglio di mantenere. Se usi un formato personalizzato, invece, ti suggerisco di evitare font troppo particolari, e di scegliere un carattere più sobrio e professionale.

Forse può interessarti Font per curriculum: i 7 caratteri che ti consiglio di usare

4 – Elenchi puntati non allineati

Un’altra imprecisione che può imbruttire il curriculum a livello estetico sono gli elenchi puntati non allineati. Può capitare, infatti, che durante la scrittura questi si scombinino ma è importantissimo risistemarli per dare un senso di ordine e precisione al documento.

5 – Usare troppi colori

Per non sbagliare, sempre meglio utilizzare il nero per scrivere il cv e abbinarlo, al massimo, a un altro colore (magari per evidenziare alcune informazioni). In genere, infatti, non è una buona idea infarcire il curriculum di troppi colori diversi, perché si rischia di ottenere un risultato poco professionale.

6 – Non usare i grassetti

I grassetti possono essere preziosi alleati del tuo cv, sarebbe quindi un peccato non utilizzarli. Basta, naturalmente, inserirli con astuzia. La funzione del grassetto, infatti, è quella di mettere in evidenza le informazioni più importanti, perciò è fondamentale non abusarne perché perderebbero il loro effetto. In genere, vengono usati per evidenziare il posto di lavoro in cui si è lavorato oppure la posizione che si ricopriva, per esempio. Ma la loro presenza, oltre a “guidare” l’occhio sui dettagli maggiormente rilevanti, crea anche uno stacco visivo, rendendo lo scritto meno piatto e monotono Per questo, quindi, sono utili a livello grafico.

7 – Usare in modo errato sottolineature e corsivi

Anche sottolineature e corsivi possono aiutare a vivacizzare il testo. Inserire questi elementi nel modo giusto aiuta nono solo a “movimentarlo” ma a far emergere anche i dettagli più rilevanti. Ovviamente, vanno usati in modo equilibrato: così come per i grassetti infatti, è assolutamente sconsigliato abbondare, perché perderebbero la loro efficacia e appesantirebbero lo scritto.

8 – Scrivere il curriculum in maiuscolo

È capitato raramente, ma mi è successo di vedere cv scritti tutti in maiuscolo. Ecco, anche questo è un errore da evitare perché l’effetto finale è veramente poco elegante. Se adottiamo questa soluzione, chi legge avrà la sensazione che stiamo urlando in più, a risentirne, sarà anche la leggibilità del cv. Va bene inserire qualche parola in maiuscolo (il nome, i titoletti di ciascun paragrafo, le sigle, per esempio) ma sicuramente non tutto il testo.

Curriculum errori da evitare: la tua opinione

E tu cosa ne pensi a riguardo? Ti vengono in mente altre imprecisioni che potrebbero imbruttire il cv a livello grafico? Dimmi la tua opinione scrivendo un commento! 😉